next_step. Ri-marginare il paesaggio| Nuovi scenari dopo Vaia.

  Tuesday, July 21, 2020
La tempesta Vaia dell'ottobre 2018 sollecita molte riflessioni attorno a quali azioni siano necessarie per il recupero dei territori, come l'altopiano di Pinè, fortemente interessati da un evento estremo senza precedenti recenti. Interrogarsi su quali siano i possibili interventi di trasformazione richiede un serio approfondimento che non necessariamente genera soluzioni uniche e valide per ogni contesto. Una calamità può rappresentare anche un'opportunità per la valorizzazione del paesaggio, ad esempio per intraprendere un percorso con un disegno paesaggistico più equilibrato nel rapporto tra bosco, spazi aperti e insediamenti.
 
Interventi e relatori:

Le fonti geografico-storiche per il ripristino ambientale e per una gestione sostenibile delle risorse forestali
ELENA DAI PRA', Università di Trento, Dipartimento di Lettere e Filosofia

Luoghi feriti: quali visioni di futuro?
VERONICA POLIN, Università di Verona, Dipartimento di Scienze Economiche

Il senso dei luoghi, prima e dopo Vaia.
GIOVANNA RECH, Università di Verona, Dipartimento di Scienze Umane

 

Attachments