Corsi di laurea magistrale

Offerta formativa attuale

Laurea magistrale in Banca e finanza
Referente del Corso: prof. Roberto Renò
 
L’obiettivo primario del corso di laurea magistrale in Banca e Finanza consiste nel fornire allo studente specifiche competenze volte a comprendere le peculiarità gestionali, le caratteristiche operative e le dinamiche evolutive che caratterizzano sia gli intermediari, sia i mercati finanziari. La formazione dello studente è altresì volta a garantire un approccio interdisciplinare (aziendale, economico-quantitativo e giuridico) alle tematiche dell’intermediazione finanziaria. Di particolare rilevanza sarà l’obiettivo di dotare il laureato di una solida base concettuale e di un rigore metodologico che gli consentano di comprendere le problematiche del settore e di proporre soluzioni adeguate e innovative in contesti fortemente dinamici. Il corso intende, altresì, sviluppare negli studenti la capacità di proporre e applicare metodologie matematico-statistiche e strumenti innovativi in ambito finanziario e assicurativo e di valorizzare la componente informatica.
La preparazione fornita, il rigore metodologico trasmesso e la capacità di analisi e sintesi acquisite nelle materie caratterizzanti devono consentire al laureato di poter affrontare in modo adeguato il percorso della ricerca scientifica applicata in discipline economico-aziendali-quantitative, con indirizzo spiccatamente finanziario, sia in ambito universitario, sia nei centri di ricerca costituiti presso organismi internazionali e autorità di vigilanza.
Il percorso formativo si articola in un primo anno comune seguito da un secondo anno che consente di differenziare la laurea magistrale in due curriculum. In questa logica, il primo anno è dedicato ad insegnamenti di base e che riguardano principalmente gli strumenti e i mercati finanziari nella loro dimensione economico-gestionale, giuridica e quantitativa. Il secondo anno, invece, prevede per il curriculum dedicato alla gestione della intermediazione finanziaria l’approfondimento delle logiche gestionali degli intermediari creditizi ed assicurativi, mentre per il curriculum dedicato alla finanza quantitativa vengono privilegiati gli aspetti matematico-statistici per il pricing degli strumenti derivati e per il risk management.

Per ulteriori informazioni si invita a consultare quanto pubblicato sul portale Universitaly


 
Laurea magistrale in Economics
Referente del corso: prof. Claudio Zoli
Per ulteriori informazioni si visiti il sito web dedicato: http://magecverona.it, o o si scriva all’indirizzo magec@dse.univr.it.
Il  Corso di Laurea Magistrale in Economics (MAGEC), interamente sviluppato in lingua inglese, intende fornire un’adeguata preparazione nell’ambito delle scienze economiche volta a formare figure professionali in grado di operare nel settore privato e pubblico e con specifiche competenze nell’organizzazione di istituzioni operanti in diversi contesti internazionali. Grazie alla lingua veicolo e alla qualità della preparazione che si prefigge di soddisfare gli standard internazionali, il laureato magistrale in Economics sarà in grado di competere per posizioni lavorative di responsabilità anche in ambito Europeo.
MAGEC non si rivolge necessariamente ai soli studenti in possesso di una laurea in scienze economiche. È una scelta adeguata anche per studenti con preparazione in scienze poliche, ingegneria, matematica, statistica ed altre discipline, intenzionati a comprendere i fenomeni economici in maggiore profondità.
Il corso si contraddistingue per un’impostazione generalista, per l’attenzione agli aspetti metodologici e applicativi nell’ambito delle scienze economiche. Pertanto, il laureato acquisirà elevata padronanza degli strumenti di teoria economica, di politica economica e di economia pubblica, a cui si assoceranno quelli matematico-statistici e di economia applicata. Gli strumenti di analisi aziendale e la conoscenza dei principi e istituti del diritto internazionale costituiscono basi complementari.
Il laureato sarà in possesso degli strumenti matematici ed analitici necessari per l’uso e l’interpretazione dei dati e avrà conoscenze economiche, teoriche ed applicate, volte alla soluzione dei problemi del territorio e dei mercati e le conoscenze amministrative e aziendali per individuare e comprendere i problemi di gestione del rischio e i temi della governance societaria.
Laurea magistrale in International Economics and Business Management
Referente del Corso: prof. Eugenio Peluso
 
Il CdLM in International economics and business management-Economia Internazionale e gestione delle imprese vuole formare laureati che possano inserirsi con ruoli di responsabilità manageriale in imprese attive sui mercati esteri sia dal lato della produzione che della commercializzazione dei prodotti e si prefigge perciò l'obiettivo di formare esperti nell'analisi della dinamica dei mercati esteri e dell'organizzazione della produzione della commercializzazione rivolta all'export.
Per questi motivi, il percorso formativo è interamente in inglese ed è organizzato in modo da approfondire gli aspetti metodologici e operativi delle discipline economiche, aziendali, giuridiche e quantitative necessarie alla comprensione delle dinamiche dei mercati internazionali e alla gestione delle aziende che operano nel mercato globale.
A tal fine, il percorso formativo prevede insegnamenti di area economica che forniscono le nozioni necessarie a comprendere le cause e gli effetti del commercio internazionale, le relazioni macroeconomiche e la politica economica e industriale in economia aperta. In ambito aziendale, il percorso formativo prevede insegnamenti focalizzati sulla gestione dei flussi finanziari, della logistica e del marketing internazionale e dei gruppi di imprese internazionalizzate. Sono approfondite anche le problematiche legate alla contabilità e reporting aziendale nelle imprese che operano sui mercati esteri.
La formazione in ambito giuridico è garantita da insegnamenti che sviluppano il diritto internazionale e il diritto commerciale internazionale. Un insegnamento di ambito matematico-statistico fornisce la conoscenza delle tecniche quantitative necessarie alla ottimizzazione della gestione e pianificazione delle attività delle imprese.
Con il conseguimento della laurea magistrale lo studente sarà in possesso di strumenti e competenze che gli permetteranno di valutare la realtà economica internazionale in cui l'impresa deve competere, di analizzare l'evoluzione dei mercati esteri e di gestire in ruoli di responsabilità l'attività delle imprese attive sui mercati esteri.
Laurea magistrale in Direzione Aziendale

Referente del Corso: prof. Angelo Bonfanti

 Il Corso di Laurea Magistrale in Direzione Aziendale si propone di formare un laureato destinato a svolgere funzioni tecniche e progressivamente dirigenziali nelle imprese e, in misura minore, nelle organizzazioni non profit, nonché di formare laureati destinati alle imprese di consulenza direzionale e strategica. Il CdLM prevede di coniugare conoscenze rivolte alla direzione strategica delle aziende (di qualsiasi dimensione) con conoscenze del contesto organizzativo e del quadro economico. Particolare attenzione è rivolta all’analisi del sistema industriale e istituzionale nel quale l’attività di impresa si svolge, nonché all’utilizzo degli strumenti di analisi e diagnosi competitiva diffusi a livello anche internazionale.

Tale insieme di conoscenze appare in ogni caso strumentale ad un impegno aziendale ad ampio spettro, compatibile tanto con lo svolgimento di attività nell’ambito di specifiche funzioni tecnico aziendali di realtà ad elevato livello di strutturazione organizzativa, quanto con l’attività di direzione di piccole-medie realtà aziendali impegnate a percorre un sentiero di fisiologico sviluppo.
Per questi motivi il percorso didattico del CdLM prevede al primo anno corsi avanzati dei quattro ambiti, aziendale, economico, giuridico e quantitativo. 
I curricula proposti al secondo anno sono finalizzati ad indirizzare la preparazione verso distinti ambiti professionali (rispettivamente alla direzione strategica intesa in senso ampio e al governo strategico delle imprese operanti nel terziario avanzato) egualmente compatibili con la solida base comune offerta dal primo anno di corso ed entrambi coerenti con le principali tendenze evolutive nella direzione strategica delle imprese e, più in generale, delle organizzazioni.
Laurea magistrale in Economia e legislazione d'impresa

Referente del corso: prof. Silvano Corbella 

 

Il Corso si propone di formare un laureato magistrale con competenze qualificate nel campo della business administration, della governance e del controllo interno, spendibili tanto nel governo delle imprese, nonché delle aziende pubbliche e non profit, quanto nell’esercizio dell’attività di consulenza e nella libera professione, in particolare di quella di dottore commercialista iscritto alla Sezione A dell’Albo dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili.

 

Il CdLM coglie l’esigenza di coniugare conoscenze amministrative avanzate, volte ad assicurare tanto l’accountability di realtà aziendali complesse quanto la misurazione dei rischi associati ai processi aziendali, con la capacità di dominare il quadro normativo specifico nell’ambito del quale esse operano.

 

Tale sistema di conoscenze appare dunque strumentale, per chi è vocato all’ingresso in azienda, ad assicurare la compliance dei processi aziendali rispetto al sistema normativo e alle istanze informative sul valore e sugli andamenti aziendali; a chi si rivolge alla consulenza e alla libera professione, lo stesso sistema di conoscenze rappresenta il bagaglio culturale fondante lo svolgimento di tali attività.

Il percorso formativo si articola dunque in un primo anno comune a tutti gli studenti del corso e in un secondo anno differenziato in due curricula. Il primo anno fornisce una base di conoscenze comune in tema di economia di sistemi aziendali complessi nonché di governance degli stessi, nei rispettivi contesti economici di riferimento, avuto riguardo alla regolamentazione che ne caratterizza il funzionamento e l’operatività sul mercato. Il percorso del primo anno prevede dunque corsi avanzati delle quattro aree, aziendale, economico politica, giuridica e quantitativa. Tale struttura da una parte mantiene una linea di continuità con i corsi di laurea triennale in campo economico, dall’altra permette di conseguire un adeguato approfondimento nella direzione indicata qui sopra.

I due curriculum proposti al secondo anno del CdLM sono finalizzati ad indirizzare la preparazione verso diversi ambiti professionali egualmente compatibili con la solida base comune offerta dal primo anno di corso.

Il primo è rivolto ad offrire gli strumenti utili per approfondire le conoscenze specialistiche per l’inserimento in imprese, dunque con l’approfondimento della revisione aziendale e dei processi di controllo, della teoria del valore d’impresa e dell’economia delle gestioni straordinarie, anche in ottica professionale, oltre che di conoscenze avanzate in ambito fiscale. Il tutto, avuto riguardo al contesto in cui l’impresa e il management hanno trovato sviluppo nel nostro sistema economico-sociale. 

Il secondo curriculum si rivolge invece a coloro che intendono avere, come sbocco professionale preferenziale, le aziende pubbliche e non profit. Da ciò discende un percorso curriculare di studio rivolto ad approfondire tematiche coerenti con gli aspetti amministrativi, manageriali e di controllo propri di tali aziende, oltre che all’inquadramento sistematico del diritto amministrativo proprio di tali enti e del ragionamento economico che connota l’analisi costi-benefici.

 

Laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa

Referente del corso: prof. Federico Brunetti

 

Il Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione d’Impresa dedica, a partire dalla sua vocazione culturale e valoriale originaria, una attenzione particolare non solo verso il trasferimento delle conoscenze scientifiche e metodologiche ma anche verso lo sviluppo delle relative capacità applicative, di lettura del contesto, di riflessione e formulazione di valutazioni complesse, di comunicazione e relazione inter-soggettiva, di curiosità e apprendimento.

Nello specifico, esso intende fornire le conoscenze e le competenze culturali e specialistiche necessarie per conoscere e dialogare efficacemente con il mercato e tutti gli stakeholder dell’impresa, all’interno di un contesto ambientale contraddistinto da complessità, accentuato dinamismo, interculturalità e tendenza all’imprevedibilità. Alla base del progetto formativo sta un orientamento di fondo a principi di benessere a lungo termine sia a livello individuale che sociale.

I contenuti degli insegnamenti verranno periodicamente rivisti alla luce del divenire delle ricerche in corso sui temi oggetto di studio.

Le conoscenze specialistiche verranno approfondite ulteriormente al momento dell’elaborazione della dissertazione finale, che potrà anche avere la forma di Project Work.

Quanto al percorso formativo, esso prevede un primo anno comune ed un secondo anno distinto in curricula.

Il primo anno comune mira a dare agli studenti una base di formazione pluridisciplinare: qui infatti sono presenti insegnamenti di area economica, giuridica, matematico-statistica e aziendale.

Accanto a discipline quali l’economia comportamentale, che presenta gli sviluppi della ricerca economica sui temi più vicini agli interessi di chi in impresa opera a contatto con il mercato, saranno riprese conoscenze di matrice statistica indispensabili ai processi decisionali di impresa che si sviluppano nell’area del marketing. Un insegnamento di taglio storico contribuirà a dare una prospettiva storico-culturale al corso, prospettiva di rilevante valore per comprendere la velocità dell’evoluzione oggi in atto; discipline giuridiche consentiranno di acquisire conoscenze negli ambiti giuridici più rilevanti (quali la regolamentazione della concorrenza e il diritto industriale) per chi andrà a inserirsi nell’area funzionale del marketing d’impresa. Le materie di area aziendale, infine, apportano conoscenze specifiche utili per ciascuno dei percorsi previsti al secondo anno, concentrandosi rispettivamente sulle tecniche e sui processi di comunicazione intersoggettiva, da un lato, e sulle tecniche e sui processi di comunicazione aziendale con riferimento anche alle nuove tecnologie, dall’altro.

Il secondo anno approfondisce da un lato, sempre in chiave multidisciplinare, temi utili a chi si inserirà in contesti aziendali. La sociologia dei consumi offre un significativo arricchimento del bagaglio culturale dello studente, lo studio dei metodi statistici per le analisi di mercato mette lo studente in condizione di impostare e interpretare le ricerche di marketing, lo studio della logica di formazione e interpretazione dei bilanci di esercizio insegna allo studente a leggere la contabilità e i suoi documenti come strumenti per la comunicazione di impresa. Gli insegnamenti di ambito gestionale, infine, approfondiscono aspetti che non possono mancare nella preparazione di un laureato magistrale quali le logiche di servizio al cliente e la gestione della catena di fornitura, da una parte, e la definizione dell’identità di impresa e di marca e la dimensione etica dell’impresa, dall’altra.

Dall’altro lato il corso pone attenzione agli aspetti metodologici e sostantivi della storia e dell’organizzazione del territorio, alle questioni legate alla sostenibilità, sempre più centrali nell’attuale fase di sviluppo. Lo studio dell’economia agro-alimentare e del marketing agro-alimentare e viti-vinicolo forniscono le conoscenze della struttura economica e delle strategie di azione di una delle componenti fondamentali di qualsiasi territorio, vale a dire il settore agro-alimentare. Il marketing del territorio, infine, inscrive il tutto in un progetto di identità territoriale in grado di esercitare all’esterno una capacità attrattiva di investimenti, visitatori e conoscenze tali da accrescere il benessere locale.

 

Inserisci la matricola per vedere la tua offerta formativa nell'anno corretto.

Offerta formativa