I mercanti veneti in Europa in età moderna (secc. XV-XVIII)

Starting date
September 1, 2005
Duration (months)
36
Departments
Economics
Managers or local contacts
Demo Edoardo

Lo scrivente con il presente progetto di ricerca intende prendere in esame le diverse figure che animano il mondo del commercio e della produzione manifatturiera nella Repubblica di Venezia in età moderna, cercando di studiare il "modus operandi" di un ceto mercantile numeroso, strutturato e differenziato al suo interno, in grado di gestire una molteplicità di circuiti di scambio che dal piccolo commercio locale si allargano sino a raggiungere,ai livelli più elevati, le capitali europee del sistema dei traffici internazionali con la creazione di sofisticate reti mercantili. Particolare rilievo, in specifico, sarà dato al ruolo ricoperto dagli operatori commerciali di alcune delle principali città della Terraferma veneta, le cui caratteristiche saranno scandagliate sotto vari aspetti, soffermandosi sui soggetti e sulle loro eventuali ascese sociali; sulle forme societarie; sul reperimento dei capitali e sulle modalità di investmento; sui luoghi di produzione; sulle tecnologie adottate; sui sistemi di collocamento dei diversi manufatti presso svariate piazze commerciali della Penisola italiana, d'Europa e del Vicino Oriente.
Il programma di ricerca, oltre ad un approfondimento della bibliografia esistente in materia, prevede una vasta ricerca d'archivio da effettuarsi facendo ricorso all'uso incrociato di fonti di diverso genere e natura (notarili, giudiziarie, fiscali, normativo-statutarie, dove possibile contabili e mercantili) reperite (o reperibili) presso gli Archivi di Stato di Venezia, Padova, Vicenza, Verona e Brescia. Lo scrivente intende, inoltre, effettuare mirati sondaggi archivistici presso gli archivi di alcune tra le piazze commerciali in cui la presenza di operatori veneti è più consistente durante l'età moderna, come Milano, Bolzano, Bologna, Cremona, Lanciano, Lione, Anversa, Norimberga e Amsterdam.

Sponsors:

Funds: assigned and managed by the department

Project participants

Edoardo Demo
Associate Professor