Diritto privato (2019/2020)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S02458
Docenti
Riccardo Omodei Sale', Stefano Gatti
Coordinatore
Riccardo Omodei Sale'
crediti
9
Settore disciplinare
IUS/01 - DIRITTO PRIVATO
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
secondo semestre triennali dal 17-feb-2020 al 5-giu-2020.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

L’insegnamento si propone di fornire allo studente la conoscenza delle nozioni e delle regole giuridiche fondamentali che governano i rapporti tra soggetti privati – con particolare ma non esclusiva attenzione per gli istituti del diritto patrimoniale –, nonché di sensibilizzare lo stesso alle problematiche del diritto privato, anche mediante la discussione in aula di alcuni casi pratici. Al termine delle lezioni, lo studente dovrà dimostrare di conoscere le citate nozioni e regole giuridiche fondamentali del diritto privato, nonché di saperle applicare a casi concreti esemplificativi oppure tratti dalla giurisprudenza. Lo studente dovrà altresì dimostrare di saper cogliere le principali particolarità terminologiche caratterizzanti gli istituti privatistici, in relazione ai quali parole ed espressioni a prima vista simili possono anche assumere, sotto il profilo tecnico-giuridico, significati differenti.

Programma

Le modalità didattiche adottate consisteranno in lezioni frontali dirette a coinvolgere gli studenti, basate in larga misura sulla presentazione di casi e problemi giudici e sulla individuazione delle soluzioni.
I temi trattati comprenderanno:
Il diritto privato in generale – Le situazioni giuridiche soggettive – I fatti e gli atti giuridici – I soggetti: le persone fisiche e le persone giuridiche – I beni e i diritti reali – Le obbligazioni – Il contratto in generale – I singoli contratti – I contratti dei consumatori – Le fonti non contrattuali di obbligazione – I fatti illeciti – Il diritto di famiglia in generale – Il matrimonio – La filiazione – Le successioni per causa di morte – Le donazioni – La tutela dei diritti.

Testi consigliati

1) uno dei seguenti Manuali in alternativa tra loro:

A. TRABUCCHI, Istituzioni di diritto civile, 49a ed., Wolters Kluwer CEDAM, 2019 (con esclusione delle parti dedicate alle procedure concorsuali [Capo IX, Sez. III], ai titoli di credito e alla circolazione dei valori mobiliari [Capo XII, Sez. IV], alla proprietà intellettuale e alla concorrenza [Capo XIII]);

A. TORRENTE – P. SCHLESINGER, Manuale di diritto privato, 24a ed., Giuffrè, 2019 (con esclusione delle parti dedicate ai titoli di credito, cambiale e assegni [Capitolo LI, Lett. D), Capitolo LII e Capitolo LIII], nonché all'impresa, alle società e alle procedure concorsuali [da Capitolo LVI a Capitolo LXIV]).

2) l’ultima edizione di un Codice civile con le principali Leggi collegate. Tra le numerose edizioni in commercio, si segnalano, in particolare, le seguenti:
G. DE NOVA, Codice civile e leggi collegate, Zanichelli, Bologna,
A. DI MAJO, Codice civile, Giuffrè, Milano,
P. PERLINGIERI – B. TROISI, Codice civile e leggi collegate, ESI, Napoli,
P. SCHLESINGER, Codice civile, CEDAM, Padova.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
A. TRABUCCHI Istituzioni di diritto civile (Edizione 49) Wolters Kluwer CEDAM 2019
CODICE CIVILE L'ultima edizione di un Codice civile con le principali leggi collegate 2020
TORRENTE A.-SCHLESINGER P. Manuale di diritto privato (Edizione 24) Giuffrè, Milano 2019

Modalità d'esame

La prova d’esame consiste in una prova scritta articolata in trenta quesiti a risposta multipla aventi per oggetto le tematiche oggetto del programma.
I quesiti vengono formulati sia nella veste di domande "classiche", aventi per oggetto regole ed istituti propri del diritto privato, sia nella veste di brevi casi pratici, dei quali vengono proposte soluzioni alternative, così da potere verificare la preparazione dello studente tanto dal punto di vista della conoscenza teorica degli istituti e delle regole propri del diritto privato quanto sotto il profilo della capacità di utilizzarli ed applicarli in concreto.
Il punteggio viene attribuito assegnando 1 punto per ogni risposta esatta e 0 punti per ogni risposta errata o non data. La prova si intende superata con almeno 18 risposte esatte. Viene proposto altresì un trentunesimo quesito, che viene valutato solo qualora sia stata data risposta esatta a tutti e trenta gli altri quesiti, e la risposta esatta al quale comporta l'attribuzione allo studente della lode.
La prova scritta ha una durata di 45 minuti e viene corretta immediatamente dopo la consegna degli elaborati da parte degli studenti, che devono quindi assicurare la loro presenza in aula anche nelle 2-3 ore successive alla conclusione della prova. In questo periodo di tempo, verrà comunicato l’esito della prova a ciascuno studente, e quest’ultimo dovrà dichiarare se intende accettare o non il voto conseguito. Gli studenti che avranno riportato un voto pari o superiore a 26/30 potranno altresì chiedere di sostenere un colloquio orale, a seconda dell'andamento del quale il loro voto definitivo potrà migliorare o peggiorare.
Non sono previste prove intermedie.