Economia internazionale e industriale (2009/2010)

Corso disattivato



Codice insegnamento
4S00404
Crediti
10
Coordinatore
Thomas Bassetti
Settore disciplinare
SECS-P/01 - ECONOMIA POLITICA
Lingua di erogazione
Italiano
L'insegnamento è organizzato come segue:
Attività Crediti Periodo Docenti Orario
1 - lezione 7 primo semestre Thomas Bassetti
2 - lezione 3 primo semestre Francesco De Sinopoli

Obiettivi formativi

Il corso intende fornire allo studente i principali strumenti per l'analisi dell'economia industriale e delle principali cause del commercio internazionale nonché degli effetti redistributivi da esso generati che sono alla base delle politiche commerciali protezionistiche.

Programma

Programma del modulo 1: Economia internazionale
1. Introduzione e sguardo d’insieme
2. Il modello ricardiano dei vantaggi comparati
3. La teoria di Heckscher-Ohlin
4. Il modello “generale” del commercio internazionale e le ragioni di scambio
5. Concorrenza imperfetta e commercio intra-industriale
6. La mobilità internazionale dei fattori
7. Gli strumenti della politica commerciale
8. L’economia politica della politica commerciale


Programma del modulo 2: Economia industriale
1. teoria dell’impresa
2. Giochi e strategie
3. Monopolio
4. Concorrenza perfetta
5. Oligopolio
6. Discriminazione del prezzo e segmentazione del mercato
7. Differenziazione del prodotto

Libro di testo:
Krugman-Obstfeld, Economia Internazionale, vol 1, 4 ed. , Pearson 2007
Cap: 1-9 (appendici incluse)
Luis Cabral Economia Industriale, ed Carocci

Modalità d'esame

Esame scritto.

Statistiche per i requisiti di trasparenza (Attuazione Art. 2 del D.M. 31/10/2007, n. 544)

Statistiche esiti
Esiti Esami Esiti Percentuali Media voti Deviazione Standard
Positivi 31.41% 25 3
Respinti 26.37%
Assenti 34.53%
Ritirati 6.95%
Annullati 0.71%
Distribuzione degli esiti positivi
18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 30 e Lode
5.3% 6.1% 4.5% 1.5% 6.1% 9.9% 8.3% 16.0% 5.3% 6.8% 8.3% 10.6% 5.3% 5.3%

Valori relativi all'AA 2009/2010 calcolati su un totale di 417 iscritti. I valori in percentuale sono arrotondati al numero intero più vicino.