IL RAPPORTO TRA STATO E CITTADINI: LE 'NUOVE' VISIONI DEGLI ECONOMISTI

Presentazione

L’obiettivo del corso è illustrare le spiegazioni economiche che stanno alla base delle interazioni tra individui e Stato. La relazione con lo Stato si concretizza, in molto contesti, in un processo decisionale dove entrambi gli agenti fanno delle scelte. Durante il corso si prenderanno in considerazione alcune scelte economiche “tipiche” del cittadino (ad esempio, le scelte lavorative, di pagare le tasse, di consumo, di istruzione e di benessere, di solidarietà) e si analizzeranno sia dal punto di vista teorico sia da quello empirico. La teoria economica “mainstream” si fonda sulla figura dell’homo economicus, il quale è un individuo razionale, egoista e le cui decisioni sono la soluzione di complicati problemi di ottimizzazione. Negli ultimi anni, la teoria economica si è evoluta e ha cercato di rappresentare le scelte degli individui con un’ottica più “umana” dove le persone sono "guidate" anche da valori ed emozioni quali per esempio l’altruismo o la reciprocità. Il corso si prefigge di introdurre i partecipanti alle recenti critiche sollevate alle scienze economiche e di fornire un quadro delle principali “nuove” visioni.

Scheda del corso

Tipo
Corsi di aggiornamento e qualificazione delle competenze
Durata
1 anni
Organo di controllo
Consiglio del Dipartimento di Scienze economiche
Sede
VERONA
Dipartimento di riferimento
Scienze Economiche
Macro area
Scienze Giuridiche ed Economiche
Area disciplinare
Economica